Qualche cenno sull'argomento:

Corso di formazione: Executive Decision Making

Prendere decisioni efficaci e consapevoli che anticipino e considerino i possibili comportamenti altrui

Tutti nasciamo con differenti capacità ma non nasciamo con competenze decisionali. Le apprendiamo man mano che ci confrontiamo con la realtà. Nel corso della vita lavorativa dobbiamo prendere decine, centinaia, forse anche migliaia di decisioni. Dalle più piccole alle più grandi, dalle più banali a quelle che possono cambiare il corso della nostra carriera e fare la fortuna della nostra azienda.

Ma cos’è una decisione? È una scommessa.

Decidere vuol dire puntare sul fatto che quanto si è considerato prevedibile avverrà. Riflettere su come prendiamo le decisioni è dunque essenziale perché la qualità del processo decisionale determina la qualità dei nostri risultati. Ognuno di noi segue un suo percorso ma i principi che sottostanno a un buon processo decisionale valgono per tutti. La formula per una decisione corretta è semplice: individuiamo i nostri obiettivi e analizziamo la realtà con cui ci stiamo confrontando per raggiungerli. Ma allora perché si commettono errori? La differenza la fanno la presenza di incertezza e la nostra stessa natura.

Obiettivo del corso è imparare a conoscere quali sono i principali ostacoli che si incontrano in questo percorso, da dove derivano e cosa possiamo fare per aggirarli o superarli. Conoscere la struttura del processo decisionale non è importante solo per la qualità intrinseca delle nostre scelte ma anche per capire, e anticipare, come si comporteranno gli altri. Durante le due giornate i partecipanti acquisiranno un innovativo modello concettuale in grado di affiancare e sostenere l’attività lavorativa di facilitare il raggiungimento degli obiettivi di ognuno.

PER CHI
PROGRAMMA
MODALITÀ
DOCENTE
VIDEO

Per chi

Manager con responsabilità decisionali e/o di coordinamento di risorse, Project leader, Project manager e più in generale tutti coloro che in azienda vogliano migliorare la propria capacità di presa di decisioni considerandone gli "effetti farfalla" che ne conseguono per migliorare le proprie performance e quelle dell’azienda.

Programma del corso

Anatomia delle decisioni

  • Definire
  • Identificare
  • Pesare
  • Generare
  • Valutare
  • Decidere

I limiti dell’attenzione e della razionalità

  • La natura umana e la sua evoluzione
  • Il sistema 1 e il sistema 2
  • L’asse scoperta-difesa
  • Il contributo delle neuroscienze
  • I nostri limiti cognitivi

Come si formano le opinioni:

  • Le euristiche
    • L’euristica della disponibilità
    • L’euristica della rappresentatività
    • L’euristica della conferma
    • L’euristica dell’affetto

L’eccesso di fiducia e sicurezza

  • L’eccesso di precisione
  • L’eccesso di stima
  • L’eccesso di posizionamento

 Gli errori più comuni che tendiamo a commettere:

  • I bias
    • I bias che derivano dalla disponibilità
    • I bias che derivano dalla rappresentatività
    • I bias che derivano dalla conferma

 La consapevolezza limitata

  • La cecità attenzionale
  • La cecità al cambiamento
  • L’illusione della focalizzazione
  • La consapevolezza limitata nei gruppi
  • La consapevolezza limitata nelle decisioni strategiche

Il framing e l’inversione delle preferenze

  • L’irrazionalità della somma delle nostre scelte
  • Certezza e pseudo certezza
  • Il framing
  • La percezione del valore
  • Il valore di quello che possediamo
  • La contabilità mentale
  • Inversioni di preferenze

Le influenze motivazionali ed emotive

  • Quando emozione e cognizione collidono
  • Self serving bias
  • Le influenze emotive sulle decisioni

L’escalation o intensificazione dell’impegno

  • Il paradigma dell’escalation unilaterale
  • Il paradigma dell’escalation competitiva
  • Perché avviene l’escalation

Strategie per decisioni efficaci

  • Mindfulness e stile di vita
  • Strumenti di analisi decisionale
  • Il ruolo dell’expertise
  • Eliminare i bias
  • Ragionare analiticamente
  • Assumere una visione esterna
  • Comprendere i bias negli altri

Modalità

La modalità di strutturazione del corso prevede due giorni intensivi arricchiti di simulazioni, contenuti ed esercitazioni che consentono al partecipante di apprendere e testare immediatamente i contenuti appresi

Docente

Stefano Monti

Laurea in Economia Aziendale all’Università Bocconi di Milano, Master in Counseling e Formazione Relazionale presso l’Università di Siena, Executive Certificate in Management & Leadership e in Strategy & Innovation presso l’MIT - Sloan School of Management, Specializzazione in Economia Comportamentale presso Harvard Business School.
Combina una significativa esperienza manageriale con un profondo interesse per la comprensione del comportamento umano. Questa interdisciplinarità lo ha portato a sviluppare un approccio nuovo ai temi della leadership e dei processi decisionali ispirato da studi di management, economia comportamentale, pensiero sistemico, psicologia e neuroscienze.

Video

Corso Open

Sigla F2.6

Durata

2 GG

Date

Milano 6/7 maggio 2019
Milano 18/19 novembre 2019

Quota di partecipazione

€ 2000 + iva
Scopri i vantaggi delle convenzioni con WideValue >>

Iscriviti
Contatta i nostri consulenti

Richiedi informazioni su questo corso

Condividi questa pagina sul tuo social network preferito | Invia a un amico